La NBA vuole rivedere le regole della free agency dopo il caso Anthony Davis

10.07.2019 11:53 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
La NBA vuole rivedere le regole della free agency dopo il caso Anthony Davis

A margine della Summer League, martedì scorso, i trenta proprietari delle franchigie NBA si sono riuniti a Las Vegas, insieme ad Adam Silver, per discutere della salute finanziaria del campionato, dei cambi di regole e della free agency.

Proprietari e dirigenti della NBA sono preoccupati per le richieste di trasferimento di giocatori famosi sotto contratto, come nel caso di Anthony Davis durante la stagione o di Paul George questo fine settimana. Chiaramente, le discussioni si svolgono prima dell'apertura del mercato dei trasferimenti e alla NBA non piace ...

"C'è del lavoro da fare ... Come ho detto prima, è una questione di mantenere il giusto equilibrio e la sensazione che le regole del gioco siano le stesse per tutti", ha detto Adam Silver. in conferenza stampa ."Questo è ciò che i team vogliono sapere. Penso che si trovino in situazioni difficili con un giocatore, con discussioni che si svolgono prima del previsto o che non rientrano nell'ambito del contratto collettivo. Questo mette le squadre in una posizione molto delicata mentre leggono o sentono che altre squadre stanno usando altri mezzi per competere. Il mio compito è applicare una serie di regole giuste per tutti i nostri team e una serie di regole chiare e coerenti per tutti. Penso che per il momento non siamo ancora arrivati a capire cosa fare."

Rispetto anche per il pubblico. "Abbiamo un contratto e deve avere senso per entrambe le parti", ha continuato Adam Silver. "Da un lato, c'è l'idea per un giocatore di avere un contratto con garanzie. D'altra parte, c'è una squadra che si aspetta che un giocatore rispetti i termini del contratto. Senza entrare nei dettagli, direi che le richieste di trasferimento sono scoraggianti. È scoraggiante per una squadra. È scoraggiante per il pubblico, e non serve molto al giocatore. I giocatori apprezzano la loro reputazione e questo è un problema che deve essere affrontato ".